SAN LORENZOSan Lorenzo e le Cappelle Medicee

La visita al complesso laurenziano comprende due percorsi distinti, quello della basilica di San Lorenzo, chiesa in cui la famiglia Medici istituì il proprio patronato, e quello dedicato alle Cappelle Medicee, mausoleo che ospita le sepolture dei membri del prestigioso casato.

L’interno della basilica è dominato dall’armonia prospettica e proporzionale degli elementi architettonici risultando una delle opere più rappresentative di Filippo Brunelleschi. Dello stesso architetto è la celebre Sagrestia Vecchia la cui decorazione plastica si deve a Donatello, autore, insieme ad aiuti, anche dei due imponenti pergami bronzei, il Pulpito della Resurrezione e il Pulpito della Passione, posti all’incrocio delle navate laterali con il transetto. Desiderio da Settignano, Filippo Lippi, Rosso Fiorentino, Bronzino, Pietro Annigoni, sono alcuni degli altri artisti che  hanno contribuito alla decorazione della chiesa.
Dal primo chiostro del complesso si accede alla Biblioteca Medicea Laurenziana, tra le più affascinanti architetture del Cinquecento fiorentino realizzata su progetto di Michelangelo. Al maestro toscano fu anche affidato anche il completamento della facciata tuttavia mai realizzato, cosicché  il fronte della chiesa si presenta ancora in pietra grezza.

San Lorenzo e le cappelle mediceeIl complesso delle Cappelle Medicee, al quale si accede dalla parte absidale della basilica di San Lorenzo, comprende il sontuoso Mausoleo dei Principi, opera seicentesca di Matteo Nigetti, e la  Sagrestia Nuova, capolavoro di architettura e scultura, celebre per la presenza delle tombe di Giuliano e Lorenzo de’ Medici realizzate da Michelangelo.
In ambienti attigui all’altare della cappella dei Principi è esposto il Tesoro di San Lorenzo che comprende raffinati oggetti liturgici e reliquari, alcuni dei quali costituiti da vasi facenti parte della collezione di Lorenzo il Magnifico e altri realizzati dalle botteghe granducali, distinguendosi quali capolavori dell’arte barocca fiorentina.

SHARE